Educazione e Fede: alle sorgenti dell'anima

Ultimo lavoro dell'avv. Luca Muglia, past president dell'Unione nazionale Camere Minorili

  Pubblicato in data 09-03-2016

Il volume esamina i diversi profili dell’universo minorile, analizzando temi delicati quali la devianza e le forme di disagio, l’evoluzione dei modelli educativi, la sfera emotiva e dell’affettività, le nuove frontiere dell’educazione. Nel prosieguo l’autore trasferisce il discorso educativo sul piano squisitamente spirituale (“dall’io all’anima”), proponendo un viaggio interiore che attraverso le tappe più significative della fede cristiana conduce alla pedagogia dell’anima. Ecco, allora, che il centro dell’anima diventa un luogo d’amore in cui è possibile incontrare Dio, uno spazio segreto in cui scoprire e cogliere i segni del piano divino. Si tratta di un percorso nuovo e diverso da utilizzare quale strumento di guarigione delle generazioni “in divenire”, di un programma educativo sperimentale che si prende cura dei ragazzi cosiddetti “difficili”, occupandosi delle loro problematicità esistenziali e spirituali.

«Luca Muglia ha forse aperto una strada; una strada fatta di domande più che di risposte, una strada esposta al mondo e al vento. Una strada bella e pericolosa come dovrebbero essere le strade percorse dai nostri ragazzi in crescita, come essi stessi dovrebbero imparare a diventare: aperti al mondo e ai suoi misteri, sufficientemente al riparo dai rischi ma senza chiusure paranoiche, sensibili al mutare delle direzioni dei venti e del risuonare degli accordi del cuore» (dalla Prefazione di Raffaele Mantegazza).

Luca Muglia è avvocato, past-president dell’Unione Nazionale Camere Minorili. Autore di diverse pubblicazioni scientifiche in materia penale minorile e curatore di laboratori didattici sull’educazione dei giovani. E’ stato docente a contratto presso l’Università della Calabria e della Basilicata nel Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria. Ha collaborato con il Gruppo CRC nell’ambito dei rapporti di monitoraggio della Convenzione sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza in Italia. Il suo interesse di ricerca concerne i profili educativi del sistema penale minorile; negli ultimi anni ha rivolto la sua attenzione al rapporto tra giovani e fede, approfondendo il tema della pedagogia dell’anima.