Atteggiamenti denigratori della figura paterna: si applica l’art. 709-ter c.p.c.

  Pubblicato in data 16-02-2017

L’affidamento condiviso non è precluso da particolare conflittualità dei genitori. Il comportamento della madre, che non agevoli il miglioramento dei rapporti del figlio con il padre ed anzi denigri la figura paterna, è sanzionabile ex art. 709-ter c.p.c.. Il Tribunale può ordinare un trattamento psicoterapeutico per il minore, ai fini del predetto recupero. 

In tema di rapporti economici tra genitori, il fatto che la madre, priva di redditi propri in costanza di matrimonio, abbia successivamente ricevuto una grossa eredità non determina a suo carico l’obbligo di corrispondere un assegno al marito, non costituendo, tale entrata, un incremento di situazioni previgenti.